Eventi - Europe Direct Puglia

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi


Caffè letterari europei - Anno europeo del patrimonio culturale
Bari, 11-20 dicembre 2018

Il 2018 è stato proclamato Anno europeo del patrimonio culturale. Lo scopo è quello di incoraggiare il maggior numero di persone a sperimentare, apprezzare e godere del patrimonio culturale e a rafforzare il senso di appartenenza a un comune spazio europeo. Il patrimonio culturale plasma la nostra identità e la nostra vita quotidiana. Ci circonda nelle città e nei borghi, quando siamo immersi nei paesaggi naturali o ci troviamo nei siti archeologici e non solo nella letteratura, nell’arte, ma anche nell'artigianato appreso dai nostri genitori, nel cibo che gustiamo in compagnia e nei film che guardiamo.
Per questo è importante conservarlo e trasmetterlo alle generazioni future. Il motto dell’anno è: "Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro".
Per di più, il nostro patrimonio culturale ha un ruolo importante da svolgere nella costruzione del futuro dell’Europa. Prendendoci cura del nostro patrimonio culturale, possiamo scoprire la nostra diversità e avviare un dialogo interculturale su ciò che abbiamo in comune.
Per questi motivi, lo Europe Direct Puglia, il Centro di Documentazione europea di Bari e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari Aldo Moro hanno organizzato 6 Caffè letterari europei dedicati ad altrettanti aspetti, che riteniamo importanti per la costruzione del futuro delle giovani generazioni e dell’Europa e per stimolare un cambiamento reale nel nostro modo di fruire, tutelare e promuovere il patrimonio culturale, facendo sì che l’Anno europeo crei benefici a lungo termine per i cittadini.
Per deliziare lo spirito e il palato gli eventi si svolgeranno con le modalità di un vero e proprio caffè letterario che prevede il coffe-break.
La partecipazione agli eventi è gratuita, ma per motivi logistici è obbligatoria la prenotazione online al seguente link: https://www.uniba.it/ricerca/dipartimenti/scienze-politiche/eventi/eventi-2018/11-20-12-18-caffe-letterari-europei
Per correttezza, si chiede cortesemente di prenotarsi solo se si è sicuri di partecipare.
 
L’Europa nel tempo della complessità: il patrimonio culturale a base del suo sviluppo con il Prof. Ennio Triggiani, Diritto dell’Unione europea - Università di Bari
L’Europa deve rifondarsi recuperando fino in fondo le sue scelte culturali basate sulla dignità della persona e il diritto alla vita, con le quali è stato esemplarmente deciso di abolire la pena di morte inflitta dallo Stato. La speranza di un rilancio deve nutrirsi del grande patrimonio culturale europeo comune che ci consente di comprendere il passato e di costruire il futuro sulle basi dello Stato di diritto, messo pericolosamente in discussione in Ungheria e Polonia.
Bitonto, 11 dicembre ore 17
Biblioteca  Comunale “E. Rogadeo”
 
Cultura e creatività: una ricchezza per l’Europa con la Dott.ssa Micaela Lastilla, Dottorato di ricerca in Principi giuridici ed istituzioni tra mercati globali e diritti fondamentali – Università di Bari
Sebbene gli Stati membri dell’UE siano i principali decisori delle proprie politiche culturali, l’Unione europea incoraggia la loro cooperazione, sostenendo le azioni in tema di salvaguardia e conservazione del patrimonio culturale di importanza europea, come afferma l’art. 167 TFUE.  Sono numerose le azioni dell’UE rivolte a tal fine: giornate europee del patrimonio, premio dell’Unione europea per il patrimonio culturale, marchio del patrimonio europeo e, ultimo ma non ultimo, l’Anno europeo del patrimonio culturale, nell’ambito del quale sono state sperimentate virtuose modalità partecipate di governance.
Bari, 11 dicembre ore 17
Caffè d’Arte - Via San Francesco D’Assisi n. 9
 
Alle radici culturali dell’idea d’Europa con il Prof. Giuseppe Cascione, Storia e teoria dell’idea di Europa - Università di Bari
Da più parti il processo di unificazione europea viene oggi rimesso in discussione. Debito greco, Brexit, dieci anni di crisi economica mondiale e, infine, l'affacciarsi sulla scena politica di movimenti anti-europeisti e populisti hanno riportato la questione dell'identità europea al centro della  riflessione, riaprendo il campo a una domanda filosofica su che cosa si vada unificando. Questa domanda filosofica è il sintomo che nei momenti critici la consistenza filosofica dell'Europa si ripropone come questione inevitabile. Perciò, che cosa si va unificando? Il residuo di ciò che resta di una storia antica di potenza, che non riesce più ad essere tale? O uno spazio geopolitico e geofilosofico cambiato radicalmente in un mondo ormai globalizzato?
Mola di Bari, 17 dicembre ore 17
Biblioteca rurale Il poggio – Strada Chiancarelle n. 44/A Poggio Antiche Ville
 
Gli archivi dell'integrazione europea con il Prof. Carlo Spagnolo, Storia contemporanea - "Cattedra Jean Monnet - Università di Bari
L'accesso alle fonti e la politica della memoria dell'integrazione europea è il tema fondamentale di questo incontro. A Fiesole sono depositate le carte delle Comunità europee e i fondi principali sulla storia dell'integrazione europea, dei quali verranno esposti, brevemente, modalità di consultazione, rilievo per la ricerca e possibilità di uso didattico.
Bari, 18 dicembre ore 17
Caffè d’Arte - Via San Francesco D’Assisi n. 9
 
Echi europei nel teatro shakespeariano con la Prof.ssa Cristina Consiglio, Letteratura teatrale europea - Università di Bari
Sono trascorsi poco più di quattrocento anni dalla morte di William Shakespeare e ancora si loda il suo generoso genio creativo. Eppure ci separano da lui secoli, appunto, e un braccio di mare che ha fatto dell’Inghilterra un luogo a sé, altro dal continente, con una tradizione culturale che nel teatro trova una delle sue più grandi espressioni e forme di comunicazione, più di quanto sia accaduto in ogni altra nazione europea. Grazie alla capacità evocativa della parola e all’interpretazione degli attori, ogni espressione della varietà del mondo ha diritto di cittadinanza nei versi del Bardo rinascimentale. Dai momenti comici a quelli più tragici è sempre la vivacità dell’esistenza, degli incontri tra i personaggi e le culture, degli intrecci di storie ad animare il corso delle vicende narrate e coinvolgere e conquistare generazioni di spettatori (e lettori). 
Bari, 19 dicembre ore 17
Caffè d’Arte - Via San Francesco D’Assisi n. 9
 
La storia di Taranto attraverso i documenti con Don Francesco Castelli, Archivio Storico Diocesano, e Prof. Stefano Vinci, Storia del diritto medievale e moderno - Università di Bari
Gli archivi documentali sono parte integrante del patrimonio culturale di un territorio. La loro tutela e valorizzazione rappresenta, quindi, un veicolo di primaria importanza per conoscere la storia di un luogo. Ciò è particolarmente vero, specie nel contesto italiano, con riferimento agli archivi ecclesiastici, testimonianza del legame di una popolazione con il territorio. Durante il Caffè con i due specialisti ripercorreremo alcuni caratteri salienti della storia di Taranto, mostrando, in questa peculiare prospettiva, l'importante ruolo degli archivi documentali.
Taranto, 20 dicembre ore 18
Caffè letterario “Cibo per la mente” - Via Duomo n. 237
 
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Corte di Giustizia dell'Unione europea e giudice amministrativo. L'influenza del diritto europeo sul diritto amministrativo nazionale.
Bari, 20 novembre 2018

Il seminario è dedicato al rapporto fra giudice amministrativo e diritto dell’UE, con particolare attenzione all’influenza del diritto europeo sul diritto amministrativo nazionale.
Il diritto europeo determina, infatti, un irrobustimento del ruolo del giudice nazionale rispetto ad altri poteri dello Stato, attraverso il ricorso sempre più frequente al diritto europeo che, di conseguenza, è sempre più applicato. Del resto, non è possibile ipotizzare un enforcement efficace del quadro giuridico europeo senza poter contare sulla rete dei giudici nazionali.
Di questa relazione, fra giudice ed ordinamento europeo, biunivoca e complessa, parlerà Giancarlo Montedoro, Presidente di Sezione del Consiglio di Stato e Consigliere giuridico del Presidente Mattarella.
L’incontro si terrà presso l’Aula Aldo Moro del Palazzo Pasquale del Prete in Piazza Cesare Battisti 1 a Bari.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Vivere l'Europa come opportunità: tra diritto di partecipazione e libertà di movimento
Bari, 17 ottobre 2018 

Il Consiglio regionale della Puglia, d’intesa con l’Ufficio scolastico regionale della Puglia, attua un progetto biennale che prevede la presenza, all’interno degli spazi istituzionali, di giovani delle ultime classi delle Scuole secondarie di secondo grado, per realizzare un percorso di cittadinanza attiva.
L'istituzione consigliare ritiene doveroso dare la possibilità a coloro che vogliono impegnarsi attivamente, di ricevere le informazioni e la formazione che potrebbero consentire loro di svolgere un ruolo più attivo nella crescita di quella società che li vedrà, a breve termine, protagonisti.
La realtà giovanile evidenzia una distanza sempre più profonda con le istituzioni e una sfiducia nel mondo degli adulti (politici, istituzioni, ecc.). Ciò ci impone un impegno costante e programmato, che incontri la volontà dei giovani ad essere protagonisti della società in cui vivono. 
Pertanto, nell'ambito del progetto Giovani in Consiglio: da osservatori a protagonisti, lo Europe Direct Puglia e l'Eurodesk di Bari hanno partecipato ad un incontro dedicato alla presentazione delle opportunità derivanti dalla cittadinanza europea e dall'appartenenza all'Unione europea, tra cui appunto il diritto di elettorato attivo e passivo alle elezioni europee e la fondamentale libertà di movimento.

A seguire la visione guidata del documentario The Great European Disaster Movie.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le diversità linguistiche e culturali del nostro patrimonio: In viaggio per l'Europa

Bari, 26 settembre 2018 

In occasione della Giornata europea delle lingue, lo Europe Direct Puglia ha realizzato, all'interno del  Liceo scientifico-linguistico Convitto Nazionale “D. Cirillo” di Bari, una giornata di animazione attraverso il gioco “In viaggio per l’Europa”.  Oltre 200 studenti del primo anno si sono sfidati in un quiz con domande sulla storia, la geografia, le tradizioni, la cultura e la lingua dei 28 Paesi membri dell’Unione europea e sul processo di integrazione europea. 
Obiettivo dell’evento era di promuovere, attivando lo spirito di collaborazione e ludico tra gli studenti, l’apprendimento oltre che di nozioni e informazione sull’Unione europea e sul suo funzionamento anche lo studio e l'apprendimento delle lingue.
Il gioco, infatti, prevedeva anche domande in lingua inglese, spagnolo e tedesco.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(In)Equality and (Non)Discrimination in Europe: a multifaceted perspective

Bari, 17 settembre 2018 

Il seminario è stato organizzato dal Dipartimento e dallo Europe Direct Puglia in collaborazione con la Jacob of Paradise University in Gorzów Wielkopolski (Poland) e la Penza State University (Russia).
Il principio di uguaglianza rientra tra i valori fondamentali di una società democratica e costituisce un principio fondamentale anche del processo di integrazione europea.
In particolare, il seminario si pone l’obiettivo di analizzare i concetti di (dis)uguaglianza e (non)discriminazione da diverse prospettive e di aprire un dibattito critico su come la discriminazione possa assumere varie forme e possa essere presente in diversi settori: sociale, politico, mediatico, ecc.
L'evento, che si svolgerà in lingua inglese, avrà carattere multidisciplinare proprio in quanto l’argomento richiede un’analisi filosofica, giuridica e linguistica attraverso prospettive metodologiche differenti.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il principio di non discriminazione nell'Unione europea
Bari, 6-7-12 settembre 2018 

L’Unione europea garantisce la tutela giuridica in materia di discriminazione. I cittadini europei possono esercitare il loro diritto di ricorso in caso di discriminazione diretta o indiretta.
L’obiettivo della legislazione dell’Unione europea contro la discriminazione è quello di consentire a tutti gli individui che si trovano in situazioni analoghe di ricevere un trattamento simile e di non essere discriminati semplicemente a causa di una loro particolare caratteristica «protetta».
Il trattato sul funzionamento dell’Unione europea vieta la discriminazione in base alla nazionalità e consente al Consiglio di adottare i provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l’origine etnica, la religione o le credenze, la disabilità, l’età o l’orientamento sessuale.
In particolare, la discriminazione sulla base della nazionalità è sempre stata proibita dai trattati dell’Unione, nonché la discriminazione sulla base del sesso nel contesto dell’occupazione. Gli altri motivi di discriminazione sono stati menzionati per la prima volta nel trattato di Amsterdam.
Nel 2009, il trattato di Lisbona ha introdotto una clausola orizzontale volta a integrare la lotta contro le discriminazioni anche in tutte le politiche e le azioni dell’Unione (art. 10 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea).
Il principio di non discriminazione è sancito anche dall’articolo 21 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, diventata vincolante con il Trattato di Lisbona, che vieta qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, “sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l'appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, la disabilità, l'età o l’orientamento sessuale”.
I diversi aspetti saranno presentati ed approfonditi dalla Visiting Professor Aleksandra Szczerba-Zawada, dell’Università polacca Jacob of Paradyż, in un ciclo di 3 seminari che si terranno presso l’Aula Seminari “M. Cifarelli” del Dipartimento di Scienze Politiche, sita al V piano del Palazzo Pasquale del Prete in Piazza Cesare Battisti 1 a Bari.

Il primo seminario, dal titolo “Union Citizenship-Recent Trends in Development of EU citizens’ right”, si terrà giovedì 6 settembre dalle h 11.30 alle h 13.30.
Il secondo seminario, dal titolo “The EU anti-discrimination law- between social expectations and individual’s right”, si terrà venerdì 7 settembre dalle h 11.30 alle h 13.30.
Il terzo seminario, dal titolo “The EU and migration: rights of third-country nationals”, si terrà mercoledì 12 settembre dalle h 12.00 alle h 14.00.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ambiente e Energia
Bari, 12 maggio - Lecce 13 maggio 2018

L'Unione europea ha sviluppato norme ambientali fra le più rigorose al mondo. La politica ambientale dell’UE non solo è tesa ad una rigorosa salvaguardia dell’ambiente, ma al contempo consente all’UE di essere competitiva nel mercato globale. Essa contribuisce a rendere l’economia più compatibile con l’ambiente, a proteggere la natura, a salvaguardare la salute e la qualità della vita delle persone. E, in definitiva, lo sviluppo di politiche ambientali integrate può contribuire a promuovere un quadro ambientale sostenibile nell’Unione europea.
La tutela dell’ambiente e il mantenimento di una presenza competitiva dell’UE sul mercato globale possono andare di pari passo. La politica ambientale, infatti, può svolgere un ruolo fondamentale per creare posti di lavoro, promuovere gli investimenti e le innovazioni ambientali, migliorare la qualità della vita dei cittadini.
Pertanto, il convegno intende prendere in considerazione i progressi nelle politiche ambientali dell’Unione europea evidenziandone, da una parte, i punti di forza e di modernità, dall’altra, limiti e possibilità di sviluppo nell’immediato futuro.
Le relazioni inserite nel contesto politico attuale prenderanno in considerazione sia il negoziato sul nuovo quadro finanziario pluriennale, sia gli scenari geo-politici globali relativamente alle implicazioni che le evoluzioni più recenti possono avere nelle politiche ambientali dell’Unione Europea.
Il programma è densissimo di relazioni, lezioni, contributi programmati.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dibattiti sul Parlamento europeo: ruolo, funzioni, opportunità
9 - 10 - 16 maggio 2018

Lo Europe Direct Puglia, nell’ottica di avvicinare i giovani cittadini alle attività delle istituzioni dell’UE e di promuovere la partecipazione alle elezioni europee del 2019, sta organizzando di concerto con il Consiglio Regionale della Puglia una serie di dibattiti nelle scuole superiori della Regione Puglia sulla struttura, il funzionamento ed il ruolo del Parlamento europeo.
Tali dibattiti mirano a fornire conoscenze per favorire l’esercizio del diritto di partecipazione alla vita democratica dell’UE, nel rispetto dei principi del pluralismo e della trasparenza, e a contribuire allo sviluppo dell’identità europea.
Sono previsti gli interventi di esperti del Consiglio Regionale della Puglia, dello Europe Direct Puglia e dell’Eurodesk di Bari, per presentare le attività, le politiche, la storia dell’UE e del processo di integrazione europea, le opportunità e i benefici derivanti dalle politiche europee, i diritti fondamentali e i diritti civili e politici derivanti dalla cittadinanza europea.
Nei dibattiti della durata di circa due ore saranno coinvolte le classi IV e V degli Istituti di Istruzione superiore della regione Puglia.
I dibattito saranno l'occasione per festeggiare la Festa dell’Europa.

Il primo dibattito si terrà a Gioia del Colle (BA) il 9 maggio presso l'Istituto Riccotto Canudo: scarica il programma.
Il secondo dibattito si terrà a Martina Franca (TA) il 10 Maggio presso l'IstitutoTito Livio: scarica il programma.
Il terzo dibattito si terrà a Andria (BT) il 16 Maggio presso l'Istituto Ettore Carafa: scarica il programma.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dialoghi sul futuro dell'Europa. 

Lo Europe Direct Puglia sta organizzando una serie di Dialoghi con i cittadini sul futuro dell’Europa. L'iniziativa mira ad alimentare un dibattito informato e aperto alla società civile sui temi più attuali e controversi che riguardano la vita istituzionale e politica dell’Unione europea. Partecipando agli eventi, tutti i cittadini avranno modo di esprimere, prsonalmente o in forma anonima, preoccupazioni, critiche ma anche suggerimenti ed aspettative rispetto all’azione dell’Unione Europea.
Le opinioni dei cittadini, raccolte attraverso le cartoline che saranno distribuite durante l'evento, contribuiranno a fornire alla Commissione europea un feedback in merito alla sua azione politica.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare all'evento per far sentire la propria voce in Europa.

Immigrazione: tra cultura dei recinti e tutela dei diritti umani
Mola di Bari, 27 aprile 2018
Nel corso di questo primo dialogo, che si terrà presso la Libreria Culture Club Cafè di Mola di Bari, dal titolo Immigrazione: tra cultura deli recinti e tutela dei diritti umani, si discuteranno le molteplici questioni legate all’immigrazione in Italia e nel contesto europeo.
Saranno in particolare oggetto di dibattito le luci e le ombre della gestione del fenomeno migratorio da parte delle istituzioni europee, tra la tentazione di erigere muri e la necessità di “restare umani” costruendo ponti e rispettando i diritti umani, l’accordo con la Libia, i problemi mai sopiti del conflitto mediorientale e della jihad.
Tali temi, proiettati nel più ampio scenario globale, verranno trattati dal Prof. Ivan Ingravallo, docente di diritto dell’Unione europea dell’Università di Bari Aldo Moro e dal saggista Waldemaro Morgese, che presenterà in tale occasione il suo volume “L’Europa è di tutti. L’Italia fra Europa e globalizzazione”, Edizioni dal Sud, 2017. A moderare l'evento l’economista Michele Capriati.

Per saperne di più: https://ec.europa.eu/home-affairs/what-we-do/policies/european-agenda-migration_en


Il Pilastro sociale europeo: tra politiche di inclusione e capitale umano
Bari, 23 maggio 2018
Il secondo dialogo, che si terrà a Bari presso la Libreria Laterza, dal titolo Il Pilastro sociale europeo: tra politiche di inclusione e capitale umano, sarà l’occasione per discutere delle sfide sociali e occupazionali che emergono dalla globalizzazione, dalla rivoluzione digitale, dalla mutata organizzazione del lavoro, dagli sviluppi demografici.
In particolare, saranno oggetto di dibattito le luci e le ombre legate alla costruzione di un modello europeo di crescita più inclusivo e sostenibile, basato su un solido pilastro di diritti sociali, che interconnettono lo sviluppo economico, sociale e umano.
Tali temi verranno trattati dal Prof. Michele Capriati, docente di Politica economica dell’Università di Bari, dal giurista Luigi Paccione, avvocato amministrativista della persona, dal saggista Waldemaro Morgese, autore del volume “L’Europa è di tutti. L’Italia fra Europa e globalizzazione”. A moderare il dialogo il giornalista Dionisio Ciccarese.

Per saperne di più: https://ec.europa.eu/commission/priorities/deeper-and-fairer-economic-and-monetary-union/european-pillar-social-rights_it
 

Il bilancio dell'UE: tra crescita economica e vincoli finanziari
Bari, 28 maggio 2018

Il terzo dialogo, che si terrà a Bari presso la Libreria Gagliano, dal titolo Il bilancio dell’UE: tra crescita economia e vincoli finanziari, sarà l’occasione per discutere della proposta della Commissione europea per il bilancio per il periodo 2021-2027, presentata il 2 maggio scorso. La proposta della Commissione prevede tagli alla spesa e nuove risorse, ma questi strumenti in quali settori saranno utilizzati? Quali priorità dell'Unione saranno finanziate? Come garantire una sana gestione finanziaria che abbia al centro il vincolo della solidarietà? La proposta di bilancio è mirata e realistica? La posta in gioco è elevata ed è tempo di agire responsabilmente…
Tali temi verranno trattati dal Consigliere economico della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Antonia Carparelli, dal Prof. Gianfranco Viesti, docente di Economia applicata dell’Università di Bari, dal Dirigente del Consiglio Regionale della Puglia, Giuseppe Musicco. A moderare il dialogo il giornalista Giuseppe Dimiccoli.

Per saperne di più: https://ec.europa.eu/italy/news/20180502_bilancio_unione_europea_it



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La Responsabilità Sociale d'Impresa tra diritto internazionale e diritto societario 
Bari, 20 aprile 2018

La responsabilità sociale di impresa è un tema di grande attualità, che coinvolge studiosi, operatori del diritto e aziende, al centro di importanti cambiamenti.
Inserita all'interno di una più ampia strategia d'impresa, la RSI è uno dei sistemi di valori, basato su fiducia, identità e reputazione, che se adottati dalle imprese possono qualificarne l’operato e il governo societario come “eticamente responsabile”.
Fondata su elementi intangibili e sul rispetto della legge come suo prerequisito, la responsabilità sociale d'impresa si pone volontariamente in maniera dialogica nei confronti dei portatori di interessi esterni ed interni all'azienda, da diventare indispensabile alla sopravvivenza nell’attuale sistema socioeconomico.
Il convegno, che si terrà presso l’Aula Moro dell’Università di Bari, ha lo scopo di scandagliare i diversi aspetti relativi alla responsabilità sociale d’impresa.
Il convegno è accreditato dagli Ordini Professionali dei Notai e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e attribuisce 6 crediti agli Avvocati di Bari.
La partecipazione è gratuita previa iscrizione attraverso l'invio della scheda di iscrizione.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Istituzioni e strumenti per rafforzare l'Unione Economica e Monetaria: verso il nuovo quadro finanziario pluriennale 
Bari, 14 marzo 2018

L’incontro ha il fine di illustrare scenari e prospettive che si apriranno in seguito alla presentazione, da parte della Commissione europea, delle proposte relative al nuovo Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) per il periodo post 2020, che avverrà entro maggio 2018. Il QFP è lo strumento mediante il quale l’UE fisserà il massimale degli stanziamenti in relazione a tutte le aree di spesa per i prossimi sette anni, in base alle priorità individuate tramite consultazioni pubbliche e, da ultimo, tracciate dalla Commissione nella comunicazione del 14 febbraio 2018. 
Sicurezza, difesa, cambiamento climatico, ricerca e innovazione, politica di coesione, sono solo alcune delle aree nelle quali dovranno concentrarsi gli sforzi dell’UE post-Brexit e rappresentano importante sfide per il futuro dell’Unione. 
Nella prospettiva del nuovo QFP, l’approfondimento dell’Unione Economica e Monetaria, con il rafforzamento della responsabilità democratica e della governance in tale settore, assumono una rilevanza centrale. 
Il seminario sarà, dunque, occasione per discutere delle iniziative annunciate a tal proposito dalla Commissione europea, quali l’istituzione di un Fondo monetario europeo, l’inserimento del Fiscal Compact nel quadro giuridico dell’UE e l’istituzione di un ministro europeo dell’Economia e delle finanze.
A parlarne la dott.ssa Antonia Carparelli, Consigliere per la governance economica della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dove va la politica del nuovo millennio? La ricerca del consenso tra potere e immaginazione 
Conversano, 9 marzo - 4 maggio 2018

Per capire dove sta andando la politica (e con essa il destino delle democrazie) e prima di intraprendere un'analisi sulle dinamiche globali occorre ragionare innanzitutto su quali elementi si basa oggi il consenso e su come si determinano le scelte di voto.
È indubbio che oramai i mezzi di comunicazione hanno un grande potere, in modo particolare l’informazione che viaggia sulla “rete”.
Un territorio nel quale ci si deve orientare e districare tra censura e propaganda, false notizie e diffusione di segreti, nel quale i protagonisti sono personaggi anonimi ed oscuri, invisibili come gli “hacker”, o perfetti sconosciuti "odiatori" seriali come gli “hater”.
Anche se poi - ci viene detto - è sempre la parola del politico di turno a catturare attenzione e consenso. La sua capacità di creare intorno alla sua figura il mito del capo, del leader, della guida in grado di condurre il popolo verso la "felicità" promessa.
Il politico che gira i "mercati rionali" e che non frequenta i mercati finanziari. Il politico in mezzo alla "gente" ma con "twitter" sempre a portata di mano.
La verità è che il potere dei mezzi di comunicazione di massa, nelle loro forme ed evoluzione, non è mai stato messo in discussione né accantonato.
In maniera sempre più evidente oggi il Potere si fonda sulla perfetta conoscenza e sul controllo, sull'utilizzo "sapiente" e "consapevole" dei mezzi di comunicazione.
Ciò che si fatica a riconoscere semmai, è il divorzio ormai conclamato tra la creazione del consenso e la capacità di governo, tra la Politica e, per l'appunto, il Potere!
Qualcuno ci sa dire come sarà la politica al tempo dell'era digitale?
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Europa: Cultura, Diplomazia, Economia 
Taranto, 22 febbraio 2018

Si svolgerà a Taranto, presso la Sala conferenze del Dipartimento Jonico dell’Università in via Duomo n. 259, la Conferenza dal titolo “Europa: Cultura, Diplomazia, Economia”, che vedrà la partecipazione di numerosi e qualificati esperti di questi tre temi-chiave di comune interesse, legati da un unico filo conduttore: il processo di integrazione europea e la sua rilevanza per i territori pugliesi e lucani.
Tutti i cittadini interessati alle tematiche oggetto di questa iniziativa, così attuali e dibattute, avranno l’opportunità di ascoltare le opinioni dei relatori che, dai rispettivi punti di osservazione, offriranno il loro contributo e si confronteranno, mettendo assieme la prospettiva accademica con quella degli imprenditori, dei rappresentanti del mondo delle professioni e della cultura.
La Conferenza è organizzata e promossa dallo Europe Direct Puglia e dal Dipartimento Jonico dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, assieme all’Istituto di Cultura Salentina e al Consolato onorario di uno tra i più recenti (e convinti) Stati membri dell’Unione europea, la Lituania, che ha a Taranto la sua sede per la Puglia e la Basilicata.
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Agrofarmaci e sicurezza alimentare. Evoluzione nel nuovo contesto normativo europeo
Bari, 12 dicembre 2017

Un evento che si ripete ormai da circa trent'anni ormai e che vede la crescita continua in termini di contenuti, relatori e numero di persone che desiderano prendere parte al Forum di medicina vegetale. Tenutosi presso il Nicolaus Hotel, ha reso protagonista un binomio i cui due componenti sono stati spesso visti erroneamente l’uno opposto all’altro, proponendo, infatti, il titolo "Agrofarmaci e sicurezza alimentare - Evoluzione del nuovo contesto normativo europeo". Perché la sicurezza alimentare e ambientale passa anche e soprattutto attraverso la fitoiatria.
Patrocinato dall'assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia e organizzato dallo Europe Direct Puglia e dall'Arptra con il supporto di AntesiaLametaCentro di ricerca, sperimentazione e formazione in agricoltura "Basile Caramia"Aipp, e con la collaborazione di Image Line.
Strutturato come tradizione sulla base di tre differenti sessioni, il Forum ha esordito con un tema normativo emergente di sicuro interesse per il comparto, ovvero quello degli interferenti endocrini. Tale argomento è attualmente in fase di definizione a livello europeo e rischia, se mal gestito, di impattare i mezzi di difesa in modo al momento non quantificabile, ma sicuramente spiacevole.
A parlare di tali aspetti è stato per primo Alberto Mantovani, dirigente di ricerca dell'Istituto superiore di Sanità, seguito da Monica Garbarino e Ilaria Malerba, di Federchimica-Agrofarma, le quali hanno ribadito l’importanza di un approccio razionale alla definizione dei criteri di identificazione di tali sostanze, al fine di evitare inutili bandi e demonizzazioni di prodotti senza i quali si potrebbero aprire varchi preoccupanti nelle strategie di difesa delle colture, anche in ottica resistenze.
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
L'Unione Economica e Monetaria e l'Unione bancaria: tra presente e futuro 
Taranto, 30 novembre 2017

L'Unione economica e monetaria è stata prevista 25 anni fa, con il Trattato di Maastricht, al fine di approfondire ulteriormente la collaborazione tra gli Stati membri dell'Unione europea. In effetti, però, si tratta di un'unione caratterizzata da numerosi aspetti problematici, come la differenza tra il 'pilastro' economico e quello monetario e la posizione differenziata degli Stati membri rispetto all'euro, che ha sostituito le monete nazionali in 19 del 28 Stati UE. Le difficoltà dell'UEM sono emerse nell'ultimo decennio a causa della crisi economico-finanziaria, che ha anche messo in evidenza limiti e fragilità del sistema bancario in alcuni Stati membri, con la conseguente progettazione di una nuova unione: l'Unione bancaria.
Di questi temi discuteremo con Nicola Ruccia, docente di Diritto europeo dell'ambiente presso il Politecnico di Bari ed esperto sulle tematiche oggetto del seminario.
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il principio di solidarietà e l'equa ripartizione delle responsabilità nella politica di immigrazione dell'Unione europea: il caso del Mediterraneo 
Taranto, 23 novembre 2017

La crisi dei migranti nel Mediterraneo ha, negli ultimi anni, messo in luce la difficoltà dell'Unione Europea ad affrontare in maniera coesa ed efficace tale questione. Gli Stati membri dell'area mediterranea (Italia, Grecia, Malta, Spagna, in particolare) sono stati spesso lasciati soli nell'affrontare massicci arrivi di migranti sulle loro coste, mentre altri Stati membri, di fronte all'emergenza migratoria, hanno ripristinato i controlli di frontiera, accrescendo le situazioni di tensione all'interno degli Stati membri di prima accoglienza.
Discuteremo di queste problematiche, e delle altre ad esse connesse, con il Prof. Simone Marinai, dell'Università degli Studi di Pisa, il quale soffermerà anche l'attenzione sul principio di solidarietà, previsto nei Trattati europei, ma spesso rimasto inapplicato.  
Il tema dell’equa ripartizione delle responsabilità nella politica di immigrazione dell’Unione europea è, attualmente, all'ordine del giorno e costituisce una cartina di tornasole al fine di verificare quanto l'Unione sia effettivamente unita nell'affrontare questa politica così delicata.
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il diritto antitrust nei mercati dell'economia digitale 
Bari, 20 novembre 2017

L'intervento avrà ad oggetto l'applicazione del diritto antitrust europeo ai mercati dell'economia digitale, caratterizzati da rapida innovazione e dalla crescente importanza dei dati di milioni di utenti. In particolare, l'Avv. D'Elia, Funzionario della Direzione Generale Concorrenza della Commissione europea, discuterà due recenti decisioni adottate dalla Commissione Europea: la sanzione di 2,4 miliardi di euro imposta a Google per abuso di posizione dominante nei servizi di "shopping" e l'autorizzazione alla fusione Facebook/Whatsapp.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il recesso del Regno Unito: analisi e prospettive 
Taranto, 16 novembre 2017

Uno dei temi di grande attualità nel contesto dell'integrazione europea è la c.d. Brexit, ossia il recesso del Regno Unito dall'Unione europea. E' la prima volta, infatti, che uno Stato membro comunica formalmente di voler abbandonare l'UE, il che apre scenari giuridici inediti, per esempio sotto il profilo dei diritti dei cittadini UE nel Regno Unito (e viceversa), o delle regole applicabili agli scambi commerciali tra il Regno Unito e gli Stati dell'Unione. 
Per parlare di queste e di altre problematiche connesse alla Brexit si svolgerà un incontro con la Prof.ssa Emanuela Pistoia, che insegna Diritto dell'UE nell'Università degli Studi di Teramo e che metterà in evidenza la peculiarità di questa situazione e farà il punto sullo stato dei negoziati tra UE e Regno Unito relativi al recesso.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
GLOBE - Giornata di orientamento alle carriere internazionali
Bari, 13 novembre 2017

Si svolgerà nell'Aula “Aldo Moro” del Palazzo Del Prete dell'Università degli Studi di Bari l’evento organizzato dall’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) di Milano con il contributo e la collaborazione dell’Università di Bari e dello Europe Direct Puglia. 
L'evento è l'occasione per fornire l'informazione e l'orientamento sulle carriere in ambito internazionale. 
Un programma ricco di incontri e di testimonianze con docenti, esperti di cooperazione internazionale, diplomatici, personale delle ONG e rappresentanti di Organizzazioni Internazionali, che fornisce a universitari, neolaureati e giovani la possibilità di ottenere preziose indicazioni su come orientarsi per intraprendere una carriera internazionale.
I protagonisti parleranno del loro percorso per accedere a posizioni professionali così importanti e stimolanti e daranno consigli e suggerimenti utili sull'iter da seguire e sulle opportunità disponibili.
Si tratta di un’importante occasione di confronto e di scambio di esperienze.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La tutela dei diritti fondamentali nell'Unione europea: il ruolo della Corte di Giustizia 
Taranto, 9 novembre 2017

La tutela dei diritti fondamentali è attualmente uno dei capisaldi del processo di integrazione europea. I diritti costituiscono uno dei valori dell'Unione (art. 2 TUE) e sono anche oggetto della Carta dei diritti fondamentali dell'UE, che con il Trattato di Lisbona del 2007 ha acquisito lo stesso valore giuridico dei Trattati europei. 
Decisivo, al fine del riconoscimento e del'affermazione dei diritti fondamentali nell'Unione europea, è stato il contributo della Corte di Giustizia, che con alcune sue storiche sentenze ha riconosciuto che anche l'Unione europea, nella sua attività, è tenuta a rispettarli.
Ne parleremo con la Prof.ssa Chiara Amalfitano, esperta in materia e autrice di numerose pubblicazioni sul diritto dell'Unione europea. 


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Festival nazionale delle buone pratiche URBACT - Infoday sul nuovo bando URBACT per Transfer Network
Bari, 21-23 settembre 2017

Le migliori esperienze di sviluppo urbano sostenibile rappresentano una fonte di ispirazione per le città italiane ed europee che intendono replicare strategie e azioni di successo per città più vivibili, integrate e inclusive. In qualità di National Urbact Point, ANCI organizza a Bari un evento di tre giorni che punta a contaminare idee, pratiche ed esperienze italiane ed europee attraverso uno spazio di confronto interattivo, che affianca un racconto collaborativo e diffuso in diversi spazi della città all’Infoday di presentazione del nuovo bando URBACT.
L’evento rappresenta un momento di aggregazione per quelle community di innovatori ed esperti italiani che possono accompagnare i comuni nel trasferimento di buone pratiche al centro del bando Urbact per la creazione di Transfer Network. Allo stesso tempo costituisce un appuntamento importante per definire lo stato dell’arte dell’innovazione urbana in Italia in un quadro europeo, favorendo la creazione di partnership e progettualità fra innovatori e amministrazioni locali.

Per consultare il programma e iscriversi agli eventi: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-festival-italiano-delle-buone-pratiche-urbact-infoday-sul-nuovo-bando-urbact-per-transfer-network-37426535776

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Diretta del discorso del Presidente Juncker sullo stato dell'Unione 2017
Bari, 13 settembre 2017
 
Il Presidente della Commissione europea, ogni anno a settembre, pronuncia dinanzi al Parlamento europeo il discorso sullo stato dell'Unione, in cui fa il punto della situazione per l'anno appena trascorso e presenta le priorità per l'anno successivo.
Lo Europe Direct Puglia e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro organizzano la visione in diretta del Discorso del Presidente Juncker sullo stato dell’Unione 2017, che  diretta si terrà presso l'Aula Starace del Dipartimento di Scienze Politiche - II Piano Palazzo del Prete in Piazza Cesare Battisiti, 1 a Bari.
Dopo l'ampio dibattito sul futuro dell'Europa che ha coinvolto i cittadini europei, il Parlamento europeo, i parlamenti nazionali, le autorità locali e regionali e la società civile, il Presidente esprimerà le sue opinioni sul futuro dell'Europa.
Il Presidente Juncker, inoltre, illustrerà come la Commissione intende rispondere alle sfide più pressanti con cui si deve confrontare l'Unione europea. Al discorso farà seguito la discussione in aula, con cui prende il via il dialogo con il Parlamento e il Consiglio per predisporre il programma di lavoro della Commissione per l'anno successivo.
Introdotto dal trattato di Lisbona, il discorso sullo stato dell'Unione è previsto dall'accordo quadro del 2010 sulle relazioni tra il Parlamento europeo e la Commissione europea; tale accordo prevede anche che il Presidente della Commissione invii una lettera d'intenti al Presidente del Parlamento europeo e alla Presidenza del Consiglio per illustrare nel dettaglio le azioni legislative e le altre iniziative che la Commissione intende intraprendere fino alla fine dell'anno successivo (in questo caso il 2018).

Per ulteriori informazioni sullo stato dell'Unione 2017: https://ec.europa.eu/commission/state-union-2017_it


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La pace. Scommessa vincente dell'integrazione europea 
Bari, 24 maggio 2017 

La Tavola rotonda, che intende contribuire al rilancio del processo europeo iniziato 60 anni fa, propone una riflessione sui traguardi raggiunti e sulla necessità di una maggiore integrazione.
È necessario, infatti, da una parte sottolineare l’importanza dei traguardi raggiunti in termini di benessere, diritti, tutele, opportunità di cui i cittadini europei possono godere, dall’altra mettere in risalto il significato storico dell'integrazione europea, dal consolidamento della democrazia alla pacificazione del continente, ma soprattutto la necessità del perseguimento e del mantenimento della pace quale condizione vitale ed imprescindibile per la convivenza e lo sviluppo dei popoli.

Gli studenti di Scienze Politiche di Bari possono iscriversi all'evento su questo link: http://www.uniba.it/ricerca/dipartimenti/scienze-politiche/eventi/eventi-2017/la-pace.-scommessa-vincente-dell2019integrazione-europea.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ideologie politiche in Italia e Austria nel Ventesimo secolo 
Bari, 3 - 4 maggio 2017 

Il convegno di carattere internazinale, organizzato dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro e dallo Europe Direct Puglia, in collaborazione e con il sostegno del Forum Austriaco di Cultura di Roma e dell'Istituto Storico Austriaco di Roma, al quale prendono parte studiosi provenienti da diversi atenei italiani e austriaci, consiste nell’analizzare momenti e problemi delle relazioni tra l’Italia e l'Austria dalla dissoluzione dell'Impero asburgico al secondo dopoguerra.
Dopo la fine del secondo conflitto mondiale, le relazioni italo-austriache hanno vissuto una fase di antagonismo, che ebbe ripercussioni non soltanto sulle relazioni bilaterali tra Italia e Austria, ma anche sulla stabilità sociale dell'Alto Adige, scosso, negli anni Sessanta, da attentati terroristici di matrice ultranazionalista, fase che si concluse soltanto nei primi anni Novanta del Novecento.
Da allora l'Alto Adige è visto come un esempio positivo di pacifica convivenza tra popolazioni di lingua e cultura diverse.
Il convegno intende indagare sui principali nodi che hanno caratterizzato le relazioni italo-austriache nel Novecento, soffermandosi anche sui principali attori politici a Roma e a Vienna, da Benito Mussolini, Francesco Salata e Alcide De Gasperi per parte italiana, a Engelbert Dolfuss, Franz Marek e Bruno Kreisky per parte austriaca. Verrà analizzato anche il percorso politico e diplomatico che ha portato l’Austria ad aderire all’Unione europea e l’atteggiamento tenuto a tale riguardo dal governo di Roma e dai partiti italiani.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Unione europea e professioni: libertà di circolazione e di concorrenza
Bari, 2 maggio 2017 

Il seminario dedicato al tema della libertà di circolazione e di concorrenza è stato organizzato per riflettere sul ruolo fondamentale svolto dal diritto alla libera circolazione dei lavoratori nell’ambito del processo di integrazione europea, nonché sulla rilevanza delle norme in materia di libertà di concorrenza nello spazio giuridico europeo, in particolare sulla ratio sottesa alle norme a tutela della libera concorrenza – articoli 101 e 102 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea – che vietano in modo rigoroso determinate pratiche per gli operatori economici e sono provviste di effetto diretto.
Inoltre, il seminario è l'occasione per sottolineare contenuti e obiettivi della direttiva 2006/123/CE, c.d. Direttiva Bolkestein, che si basa sugli articoli 47.2 e 55 del Trattato della Comunità europea e mira a rimuovere gli ostacoli alla libertà di stabilimento e alla libera circolazione dei servizi, nonché ad instaurare, tra gli Stati membri dell’Unione europea, l’imprescindibile reciproca fiducia.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Human rights conditionality in the EU'S International Agreements
Bari, 27 aprile 2017 

Sin dall'inizio degli anni '90, l'Unione europea ha incluso le clausole di condizionalità sui diritti umani nei suoi accordi di associazione e negli accordi internazionali di commercio e cooperazione. Lo scopo di queste clausole è di autorizzare la parte lesa a prendere le misure appropriate, inclusa la sospensione dell'accordo, nel caso in cui l'altra parte violi i diritti umani o i principi democratici.
Durante il seminario, dedicato appunto al tema del rispetto dei diritti umani nell’ambito degli accordi internazionali dell’Unione europea, è stato fornito un resoconto sull'evoluzione di queste clausole, sulla loro portata e sul loro funzionamento, ed è stata analizzata la responsabilità dell'UE, in base al diritto internazionale, di attuare queste clausole sul piano nazionale.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ruolo e competenze delle PPAA nella gestione dei fondi europei relativi alla programmazione 2014-2020
Bari, 12 aprile 2017 

In occasione dell’inizio del corso di formazione “eU-maps: il modello integrato di Euro-progettazione e project management, per progettare, gestire e rendicontare i fondi europei”, organizzato nell'ambito dell'iniziativa "Valore PA", l’Università di Roma Tor Vergata in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche di Bari, lo Europe Direct Puglia e lo IUSEFOR di Torino hanno organizzato una tavola rotonda per parlare delle molteplici e complesse sfide poste dalla nuova strategia europea “Europa 2020” per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva.
In particolare, la Tavola rotonda inaugura un percorso formativo finalizzato al potenziamento della capacity building delle PPAA nell’utilizzo, in modo efficiente ed efficace, delle risorse finanziarie messe a disposizione dall’UE con il nuovo ciclo di programmazione dei fondi europei 2014-2020. Sappiamo che il bilancio dell’UE può rappresentare un’importante fonte di risorse finanziarie aggiuntive per la PPAA, ma solo attraverso un approccio integrato e sinergico, sia in termini di progettazione che di gestione e valorizzazione degli interventi, le pubbliche amministrazioni saranno in grado di definire e raggiungere obiettivi sfidanti in termini di valore ed impatto generato dagli interventi finanziati, così come previsto dagli orientamenti e dalle priorità strategiche europee.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Europa=NOI. Educazione alla cittadinanza europea
Bari, 11 aprile 2017 

L’evento è stato organizzato dal Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione europea in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e lo Europe Direct Puglia con lo scopo di illustrare un percorso di scoperta della storia, dei valori, delle Istituzioni e dei programmi europei, con particolare attenzione ai diritti e doveri connessi alla cittadinanza e ai Trattati che hanno consentito, nel tempo, la costituzione e lo sviluppo dell’Unione europea. 
In particolare, sono stati presentati, durante la sessione mattutina, gli strumenti didattici multimediali dedicati a docenti e studenti offerti dalla piattaforma Europa=Noi, e per illustrare, durante la sessione pomeridiana, le opportunità offerte dal programma Erasmus plus per internazionalizzare la scuola e per  fornire consigli operativi per la costruzione di un buon progetto europeo.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il lavoro. Utopie e rivoluzioni nell'era del web 
Conversano, 1 aprile - 5 maggio 2017 

Per molto tempo l'uomo ha coltivato un sogno, o meglio, un'utopia: liberarsi dal lavoro. Oggi corriamo il paradosso che avvenga il contrario, e cioè che sia il lavoro a liberarsi dell'uomo. Fine dell'utopia. Ci troviamo davanti ad uno scenario inedito e non solo in Europa.
La quarta rivoluzione, quella segnata dall'avvento dell'era del web, sta producendo una joblessgrowth ovvero uno sviluppo economico non accompagnato dalla creazione di nuovi posti di lavoro, che al contrario sono erosi proprio dall'innovazione tecnologica e dai processi di automazione.
La produttività del lavoro aumenta mentre l’occupazione diminuisce; i bisogni diventano più articolati e complessi mentre i salari scendono; sfumano sempre più i confini tra lavoro dipendente e lavoro autonomo, lavoro e tempo libero, luogo di lavoro e spazio privato.
C’è un rapporto diretto, un filo rosso che lega l’evoluzione tecnologica con l’aumento delle disuguaglianze. E c’è un rapporto diretto tra tecnologia e occupazione in quanto il primo impatto di ogni passaggio è la sostituzione di sempre più numerose attività umane con le macchine. Se l'avvento della meccanica ha sollevato l'uomo dai lavori più faticosi, l’informatica, nella sua prima fase, ha sostituito i lavori concettuali. Molto presto l’intelligenza artificiale sostituirà anche lavori di altra natura, dal guidare le auto e gli aerei allo scrivere articoli di giornale, fino a compiere operazioni chirurgiche.
Così, mentre si moltiplicheranno queste nuove forme di lavoro l’esperienza dei lavoratori sarà, invece, sempre più fluida, instabile, eterea, impalpabile.
Tutto questo ci deve far riflettere, a cominciare dalle questioni di tipo economico, nel momento in cui nella distribuzione della ricchezza prodotta la quota che va al capitale è sempre più crescente rispetto a quella che dovrebbe andare a remunerare il lavoro, per continuare con quelle di carattere sociale: le dinamiche d’inclusione e i percorsi di formazione, il rapporto tra l’uomo e la macchina, le domande di tutela, le forme di rappresentanza.
È possibile pensare il futuro oltre la disoccupazione tecnologica? Forse per conciliare l'era iperconnessa del web con la prosperità economica, lo sviluppo tecnologico con la diminuzione delle diseguaglianze, occorre proprio una rivoluzione.
Etica e politica, prima che economica.
 
sabato 1 aprile  - ore 16,00
Il lavoro, l'impresa e l'immaginario popolare, tra cinema, tv e letteratura
 
venerdì 7 aprile  - ore 16,00
Dal Cipputi all'Industria 4.0
 
venerdì 21 aprile  - ore 16,00
L'Europa del mercato unico. Visioni e prospettive
 
venerdì 5 maggio  - ore 16,00
Lavorare stanca?


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Valori europei e identità nazionali a confronto: il difficile cammino dell'Unione europea
Bari, 28 marzo 2017 

Per favorire il rilancio dell'ideale europeo ed il dibattito sul processo di integrazione dell'UE, alla luce del Libro Bianco pubblicato dalla Commissione Junker, lo Europe Direct Puglia ed il Dipartimento di Scienze Politiche di Bari hanno organizzato questo seminario, in cui la discussione sarà focalizzata sul tema specifico dei valori europei e delle identità nazioinali. Il seminario, che si inserisce nell'ambito delle celebrazioni per il 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma, sarà l’occasione per invitare i cittadini in generale a partecipare e ad esprimersi sul futuro del progetto europeo.
Per approfondire la questione sul futuro dell'Europa: https://ec.europa.eu/italy/news/20170301_libro_bianco_juncker_it   


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Programma Erasmus plus - Erasmus Day 2017
Bari, 17 marzo 2017 

L’Erasmus day aperto a tutti gli studenti incoming, agli studenti outgoing e ai dottorandi, è stato organizzato con lo scopo di fornire informazioni agli studenti che intendono partecipare al programma di mobilità studentesca. Le sedi universitarie straniere saranno presentate direttamente dagli studenti incoming delle università partner e dagli studenti del Dipartimento che sono rientrati da questa esperienza. In questo modo, gli studenti incoming e ougoing avranno l’occasione di incontrarsi e di conoscersi.
Inoltre, la delegata di Dipartimento, prof.ssa Valeria Di Comite, illustrerà gli aspetti salienti del bando per la mobilità studentesca 2017-2018; la tutor Feliciana Marmoreo illustrerà il programma Erasmus+ Traineeship a.a. 2016/2017; la sig.ra Mariantonietta De Cesare illustrerà il sito Erasmus del Dipartimento di Scienze Politiche e la mappa interattiva.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
ONU e diritti umani al cinema: linguaggi della comunicazione e libertà di espressione
Bari, 15 marzo 2017 

Il ruolo dell’Onu nelle crisi globali e la tutela dei diritti umani rappresenta il fulcro di questa rassegna cinematografica, articolata in 4 proiezioni cinematografiche dedicate a scottanti argomenti di attualità, quali il principio di non refoulement; il diritto delle vittime alla verità; il conflitto in Siria; il caso Snowden e il diritto alla Privacy.
Questi temi saranno al centro del dibattito che si svilupperà dopo le proiezioni cinematografiche in una serie di incontri che si terrà a Bari presso il Cineporto realizzati nell’ambito del progetto “Ciné-ONU” del Centro regionale di informazione delle Nazioni Unite di Bruxelles.
La rassegna cinematografica è stata organizzata dall’Università di Bari, dallo Europe Direct Puglia, da Apulia Film Commission, dal Centro Regionale di Informazione della Nazioni Unite e dall’Ordine dei Giornalisti di Puglia.
Le proiezioni si terranno secondo il seguente calendario:
15 marzo 2017 ore 9.30, proiezione del documentario Fuocoammare, dedicato al principio di non refoulement;
20 aprile 2017 ore 9.30, proiezione del film La verità sta in cielo, dedicato al diritto delle vittime alla verità;
5 maggio 2017 ore 9.30, proiezione del film Ombre dal fondo, dedicato al conflitto in Siria;
11 maggio 2017 ore 9.30, proiezione del film Citizenfour, dedicato al caso Snowden e il diritto alla Privacy.
L’ingresso è libero e gratuito.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Cooperazione allo sviluppo e aiuti alla popolazione: la prospettiva delle donne 
Bari, 8 marzo 2017 

Lo Europe Direct Puglia ed il Dipartimento di Scienze Politiche di Bari insieme all’Associazione Zonta Internazional hanno organizzato in occasione della giornata dell’8 marzo un seminario dedicato a fornire alle nuove generarzioni modelli femminili positivi.
Il gender gap, che impedisce alle professioniste di assumere ruoli apicali, inizia all’università, dove per esempio nelle materie STEM (Science, Technoloy, Engeneering and Mathematics) le donne sono un terzo rispetto agli uomini e solo il 5% degli ingegneri è donna, ma lo troviamo anche nelle rpfessioni legate ai mezzi di comunicazione o anche nel settore della psicologia, dove l’82% delle psicologhe è donna, mentre i docenti ordinari nelle università dove si insegna psicologia sono uomini.
Le relatrici invitate al seminario sono donne che hanno svolto e/o svolgono tuttora un ruolo attivo in Paesi e ambiti difficili quali quelli della cooperazione allo sviluppo e degli aiuti umanitari alla popolazione.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Human rights protection within the EU Legal Order
Bari, 6 marzo 2017 

La protezione dei diritti fondamentali in Europa è garantita, a livello nazionale, dalla costituzione di ciascun paese e, a livello di Unione europea, dalla Carta dei diritti fondamentali, proclamata a Nizza nel 2000 e dal 2009 vincolante per i Paesi dell'UE.
In realtà, l'UE si è assunta da tempo l'impegno di promuovere e tutelare i diritti umani, la dignità, la libertà, l’uguaglianza, la democrazia e lo Stato di diritto anche nelle relazioni con altri paesi e regioni del mondo.
Si tratta, infatti, di valori saldamente ancorati ai trattati dell'UE e di diritti ribaditi con forza e chiarezza nella Carta, nella tutela dei quali le istituzioni europee, e soprattutto la Corte di Giustizia, svolgono un ruolo fondamentale.
Ne parleremo con la Prof.ssa Amelia Diaz Perez de Madrid, docente di Diritto dell'Unione europea dell'Università de Granada, e la Prof.ssa Valeria Di Comite, docente di Diritto dell'Unione europea dell'Università di Bari.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Organismi alieni, invasivi o da quarantena - Aspetti regolatori e controlli attuabili in una situazione europea poco difendibile...
Bari, 15 dicembre 2016

Si tratta del tradizionale appuntamento dedicato alla difesa fitosanitaria e alla gestione delle colture in cui vengono approfondite problematiche tecniche inerenti questa tematica in continua evoluzione. In particolare, questa edizione è dedicata alle specie aliene che si diffondono in Europa minacciando gli ecosistemi e causando ingenti danni all’agricoltura. L’Unione Europea ha elencato 12 mila specie, di cui almeno il 10-15% risulta essere invasivo. Per cui bisogna creare una rete di controlli sul territorio e sui potenziali siti di entrata delle specie aliene. 
Il palinsesto, suddiviso come di consueto in tre sessioni, anche quest'anno è densissimo di interventi e relazioni di esperti e tecnici provenienti da tutta Italia.
Il Forum è organizzato da A.R.P.T.R.A. e Europe Direct Puglia, C.R.S.F.A. “Basile Caramia”, L.A.me.T.A, Antesia, IMAGE LINE, con il patrocinio dell’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, l’A.I.P.P. – Associazione Italiana per la protezione delle piante e gli Ordini Professionali. 


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La governance dell'Unione Economica e Monetaria dopo la crisi
Taranto, 1 dicembre 2016 

L'UEM rappresenta una tappa fondamentale nell’integrazione delle economie dell’UE. Essa comporta il coordinamento delle politiche economiche e finanziarie, una politica monetaria e una moneta comune. A seguito della crisi sono necessarie misure concrete e nuove iniziative per rafforzare l'unità, l'efficienza, la responsabilità democratica dell'UEM. Questo processo di rafforzamento potrà avere successo solo se i Paesi membri riusciranno a far prevalere i punti di convergenza delle loro posizioni e se si riuscirà a superare progressivamente il distacco tra Ue e cittadini, attraverso proposte concrete che possano riconquistarne la fiducia.
Ne parleremo con la Prof.ssa Cafaro, docente di Diritto dell'Unione europea dell'Università del Salento.
L’evento è organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Studi Giuridici ed economici di Taranto.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La politica commerciale dell'Unione europea
Taranto, 24 novembre 2016 

Il libero scambio fra gli Stati membri era uno dei principi alla base dell'integrazione europea. Attualmente l'UE è la prima potenza commerciale del mondo: rappresenta, infatti, il 16.5% di tutte le importazioni ed esportazioni. Inoltre, oltre 30 milioni di posti di lavoro nell'UE dipendono dalle esportazioni al di fuori dell'UE, il che fa della politica commerciale un vettore di crescita e una priorità chiave.
L'UE ricorre a strumenti di difesa commerciale per proteggere i suoi produttori dalle pratiche sleali e agli accordi commerciali con i paesi terzi al fine di creare migliori opportunità di scambi e superare le barriere commerciali.
Ne parleremo con il Prof. Ruotolo, docente di Diritto internazionale dell'Università di Foggia.
L’evento è organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Studi Giuridici ed economici di Taranto.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Appartenenza religiosa, diritto allo studio e accesso al lavoro
Bari, 18 novembre 2016 

Appartenenza religiosa, diritto allo studio e accesso al lavoro è il titolo di un Seminario che si tiene venerdì 18 novembre alle 10.30 presso l’Aula G. Contento al II piano del Palazzo Del Prete a piazza C. Battisti 1. Vi partecipano i proff. E. Triggiani ed U. Villani del Dipartimento di Scienze politiche, l’ing. G. Morisco dell’Assemblea nazionale Baha’i d’Italia e il dott. D. Mangialardi responsabile di Amnesty International Puglia. L’evento, organizzato in collaborazione con l’Università di Milano Bicocca e la Seconda Università di Napoli, si svolge in occasione della Giornata Mondiale della Tolleranza.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari(n)visibile. Flussi migratori e dinamiche urbane nell'area metropolitana di Bari
Bari, 16 novembre 2016 
 
La giornata, che è dedicata all’analisi dei flussi migratori nell’area metropolitana barese, è organizzata dall’ Università e dal Politecnico di Bari, in collaborazione con Alliance Française, l’Ufficio Scolastico di Ambito territoriale e lo Europe Direct Puglia.
Tra i relatori e i partecipanti: Lamia Missaoui dell’Università di Versailles Saint-Quentin-en-Yvelines, Naïk Miret dell’Università di Poitiers, Michela Pellicani, Antonio Rago, Sergio Bisciglia, Nicola Martinelli.
Nel pomeriggio è prevista una tavola rotonda cui parteciperà anche lo scrittore Moni Ovadia.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La riforma del Tribunale: un'istituzione al servizio dei cittadini
Taranto, 15 novembre 2016 
 
Il 3 dicembre 2015 il Consiglio ha adottato un regolamento relativo alla riforma del Tribunale. Scopo della riforma è consentire al Tribunale di far fronte all'aumento del carico di lavoro e far sì che l'accesso alla giustizia nell'Unione europea sia garantito entro un termine ragionevole.
Il Tribunale è una delle tre giurisdizioni della Corte di giustizia dell'Unione europea, accanto alla Corte di giustizia stessa e al Tribunale della funzione pubblica. È il tribunale di primo grado per la maggior parte delle decisioni adottate dalla Commissione e dagli altri organi ed istituzioni dell'UE, in tutti i settori di competenza dell'Unione europea.
Ne parleremo con il Dott. Orzan, Referendario del Presidente del Tribunale dell'Unione europea.
L’evento è organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Studi Giuridici ed economici di Taranto.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Il ruolo della Commisisone europea a tutela della concorrenza
Taranto, 3 novembre 2016 

Le regole dell'UE in materia di concorrenza sono pensate per garantire condizioni eque e leali, lasciando nel contempo spazio all'innovazione e promuovendo standard uniformi e lo sviluppo delle piccole imprese.
La normativa europea vieta alle imprese di:
  • concordare i prezzi o ripartirsi i mercati
  • abusare della propria posizione dominante in un determinato mercato per escludere i concorrenti meno influenti
  • realizzare fusioni tali da assumere una posizione di controllo del mercato.
Nella pratica questa regola impedisce solo un numero ridotto di fusioni. Le grandi imprese con un cospicuo giro d'affari all'interno dell'UE non possono fondersi senza l'autorizzazione della Commissione europea , anche se la loro sede è al di fuori dell'Unione.
Ne parleremo con il Dott. Giacomo Gattinara, funzionario del Servizio Giuridico della Commissione europea.
L’evento è organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Studi Giuridici ed economici di Taranto.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Politiche di integrazione linguistica e culturale
Bari, 5-9 settembre 2016

Lo Europe Direct Puglia, Sportello informativo dell’UE dell’Università di Bari, di concerto con il Dipartimento di Scienze Politiche e il Centro Linguistico d’Ateneo, il Servizio Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia, le Associazioni Senza Frontiere e Quasar, hanno organizzato i Seminari “Politiche di integrazione linguistica e culturale: percorsi e metodologie - II Edizione”.
I Seminari hanno l’obiettivo di rispondere alle esigenze di aggiornamento delle figure professionali legate alle politiche di accoglienza e di integrazione degli alloglotti, fornendo competenze anche in materia di diritto, sociologia e politologia.
Una delle novità della II edizione consiste nell’organizzazione di momenti di convivialità e di incontro dell’altro.
Di seguito è possibile scaricare e prendere visione del programma completo e definitivo dei seminari.


Tutti i materiali predisposti dai relatori saranno pubblicati su questa pagina.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La convenzione europea dei diritti dell'uomo
Bari, 24 giugno 2016

Il convegno, diviso in due sessioni, è dedicato alla Convenzione internazionale, che redatta e adottata nell'ambito del Consiglio d'Europa, è considerata il testo centrale in materia di protezione dei diritti fondamentali dell'uomo, in quanto l'unico dotato di un meccanismo giurisdizionale permanente che consenta ad ogni individuo di richiedere la tutela dei diritti ivi garantiti, attraverso il ricorso alla Corte Europea dei diritti dell'uomo che ha sede a Strasburgo.
Il convegno, che si svolgerà dalle ore 09.30 presso il Palazzo Del Prete dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro in Piazza Cesare Battisti 1 a Bari, è dedicato alla memoria di Vincenzo Starace, illustre studioso di diritto internazionale dell'Università di Bari.
La partecipazione attribuisce agli avvocati 4 crediti formativi per ogni sessione.
L'evento è inserito tra i corsi per la formazione dei magistrati: Codice SSM D16324.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Europa e migrazioni forzate. Quale futuro per le politiche europee? Quali forme e pratiche di resistenza?
Bari, 23-24 giugno 2016

Il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari, in collaborazione con il “Laboratorio di studi critici sulle migrazioni forzate” ESCAPES (Università di Milano) e lo “Europe Direct Puglia”, organizza la conferenza Europa e migrazioni forzateIl tema delle migrazioni forzate, dell’accoglienza e del futuro delle politiche migratorie europee sarà al centro delle relazioni, che studiosi provenienti da diverse Università d’Italia e d’Europa presenteranno nelle giornate della Conferenza, offrendo una preziosa occasione di dibattito multidisciplinare su questioni che toccano direttamente la città di Bari e il territorio pugliese.
L’evento, che prevede la partecipazione di oltre 100 relatori, distribuiti tra due sessioni plenarie e diciotto sessioni parallele, si svolgerà il 23 e il 24 giugno 2016 presso Palazzo del Prete e il Centro Polifunzionale Studenti dell’Università di Bari, entrambi siti nella centrale P.zza Cesare Battisti.
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dialogo con i Balcani fra Macroregione Adriatico-Ionica e costruzione di una rete socio-culturale
Bari, 19-20 maggio 2016

Per la regione adriatica e ionica, che riguarda otto Paesi ed accoglie oltre 70 milioni di persone, la Commissione europea nel 2014 ha lanciato la sua strategia (EUSAIR - EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region), con l'obiettivo generale di promuovere la prosperità economica e sociale sostenibile dei Paesi coinvolti favorendo la creazione di posti di lavoro, il miglioramento della sua attrattività, competitività e connettività, tutelando l'ambiente e gli ecosistemi costieri e marini.
Secondo la Commissione tale obiettivo sarà raggiunto grazie alla cooperazione tra paesi che condividono una parte importante della loro storia e geografia. Si tratta della prima "strategia macroregionale dell’UE" con un numero così elevato di paesi extraunionali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia) che collaborano con Stati membri dell'UE (Croazia, Grecia, Italia e Slovenia).
La strategia apporta un chiaro valore aggiunto europeo poiché rafforza l'attuazione delle politiche dell'UE in atto nella regione, contribuendo ad avvicinare i paesi dei Balcani occidentali ancor di più all'UE, offrendo loro l’opportunità di allineare le loro politiche alla visione complessiva dell'UE 2020, lavorando a stretto contatto con gli Stati membri.
Tali Paesi potranno trarre vantaggio da una più stretta cooperazione in settori come la promozione dell'economia marittima, la protezione dell'ambiente marino, il completamento dei collegamenti nel settore dei trasporti e dell’energia e la promozione del turismo sostenibile.
I pilastri della strategia europea, infatti, sono:
1. Crescita blu
2. Collegare la regione (reti di trasporti ed energia)
3. Qualità ambientale
4. Turismo sostenibile.
 
Inoltre, nella seconda sessione sono previsti approfondimenti sui apporti interreligiosi nell’area balcanica e sui flussi migratori interregionali.
Di questo e molto altro parleranno autorevoli relatori provenienti dai diversi Paesi interessati dalla Strategia Adriatico-ionica.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Inaugurazione Mostra L'Italia in Europa - L'Europa in Italia
Taranto, 16 maggio

Il Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell'ambito del suo compito istituzionale di comunicare l'Europa a livello nazionale e locale, presenta in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, il Dipartimento Jonico e lo Europa Direct Puglia la mostra fotografica "L'Italia in Europa – L'Europa in Italia. Storia dell'integrazione europea in 150 scatti".
La mostra ritrae in 150 scatti i momenti più salienti dell'integrazione europea dalla Guerra Fredda ad oggi. Il percorso di costruzione dell'Europa attuale prende inizio, infatti, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, dagli accordi presi tra i sei Stati fondatori, tra i quali l'Italia, e prosegue fino agli avvenimenti più recenti che vedono gli attuali 28 Stati Membri misurarsi costantemente con le nuove e sempre più complesse sfide che i fenomeni di globalizzazione in atto pongono, quali l'approvvigionamento energetico, i cambiamenti climatici, le nuove minacce alla sicurezza interna.
L'obiettivo della mostra è quello di far conoscere, attraverso l'aiuto di immagini storiche, non solo l'Europa e l'azione dell'Italia al suo interno, ma soprattutto il "valore aggiunto" dell'essere cittadini europei.
subito dopo l’inaugurazione si terrà un seminario dal titolo “Che cosa è e come funziona il Solvit: una rete che aiuta davvero i cittadini e le imprese.
La mostra sarà visitabile dal 16 al 28 maggio. Ingresso libero e gratuito.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

L’Europa in tempi di crisi. Come difendere la coesione sociale, economica e territoriale?
(La politica regionale nei tempi della globalizzazione)
Bari, 13 maggio 2016
 
L’Europa dei prossimi decenni dovrà affrontare sfide multiple, dalle questioni demografiche (calo delle nascite e progressivo invecchiamento della popolazione), ai fenomeni migratori di complessa soluzione, al divario delle diseguaglianze sempre più ampio. Il contesto è caratterizzato da una situazione economica stagnante, accompagnata da indici di produzione e competitività non propriamente esaltanti in molti paesi dell’UE. Nasce da lì la tendenza, già in atto, di indebolire giorno dopo giorno una delle più grandi conquiste del novecento europeo: lo stato sociale. Allo stesso tempo si sono riaperti i divari fra territori più prosperi e territori relativamente arretrati.
Questi squilibri crescenti – quello sociale e quello territoriale – mettono a rischio la coesione stessa dell’Unione Europea. Quali sono le possibili risposte alle nuove povertà sempre più diffuse? 
Agli studenti di Scienze Politiche sarà riconosciuto il previsto CFU.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

Laboratorio teorico-pratico di progettazione europea
Bari, 11 - 22 aprile 2016

L’Unione europea mette a disposizione una serie di sovvenzioni per diverse tipologie di beneficiari. Affinché un progetto possa ottenere un finanziamento europeo, è necessario dimostrare la coerenza tra le esigenze specifiche del contesto in cui si intende intervenire e gli obiettivi/priorità dei diversi programmi di sovvenzionamento.
 
Questo Laboratorio ha un taglio teorico-pratico volto ad offrire ai partecipanti oltre che una  chiara panoramica delle diverse fonti di finanziamento anche “le chiavi di accesso” alle risorse informative e alle tecniche della progettazione e rendicontazione europea, indispensabili per la partecipazione ai bandi a gestione diretta, per la gestione del ciclo di vita del progetto in tutte le sue fasi, per l’impostazione del budget.
 
Il Laboratorio presenta un aspetto altamente innovativo e unico nel panorama internazionale: la certificazione delle competenze da parte di un Ente ufficiale di Certificazione, il Tüv Thuringen Italia.
 
Destinatari
Funzionari della pubblica amministrazione, operatori e dipendenti di agenzie di sviluppo locale, associazioni di categoria, associazioni di volontariato, di promozione sociale e ONG, liberi professionisti.
 
Requisiti di partecipazione
Fondamentale per la partecipazione al Laboratorio è la conoscenza della lingua inglese (lettura e scrittura). Titoli preferenziali la laurea e/o un’esperienza pluriennale nel settore di competenza.
 
Esame e certificazione delle competenze
Le competenze acquisite verranno certificate da un Ente di certificazione internazionale, il Tüv Thuringen Italia.
In base all’esito dell’esame verrà rilasciato dal Tüv un Certificato che indica il livello di competenza come Tecnico in progettazione europea.
 
Sede
Università degli Studi di Bari Aldo Moro – Dipartimento di Scienze Politiche
Palazzo del Prete in Piazza Cesare Battisti, 1 a Bari
 
Durata
Il Laboratorio prevede una durata di 80 ore di attività formativa, cui si aggiungono le ore previste per l’esame di certificazione delle competenze.
 
Metodologia
L’approccio adottato per il Laboratorio è altamente interattivo e pratico/applicativo. In ogni modulo, infatti, saranno fornite ai partecipanti le basi teoriche e pratiche delle principali tecniche di progettazione e rendicontazione europea.
 
Info
 
M. Irene Paolino
Università degli Studi di Bari Aldo Moro 
Dipartimento di Scienze Politiche
Via Giuseppe Suppa, 9 - 70121 Bari
Tel. 080 5717707 - 3494756412


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
Scuola per la Buona Politica 2016:  Europa - Resto del Mondo. Scenari obbligati per un prossimo futuro
Conversano, 19 febbraio - 13 maggio 2016

Quanto è distante il 2050? Quanto la nostra società, quella europea per intenderci, sarà cambiata? A pensarci, la data non è poi così lontana e, in fondo, ci separa solo lo spazio di una generazione. Parliamo di un futuro molto prossimo. Pensate sia fantascienza preoccuparci del destino di quella generazione, e anche delle precedenti?
Secondo alcune previsioni molto attendibili, gli scenari della geopolitica mondiale per quella data saranno totalmente rovesciati. 
Di questo e di tanto altro si parlerà durante gli incontri previsti nell'ambito della Scuola per la buona politica.
Questo il calendario degli appuntamenti.

venerdì 19 febbraio 2016 Conversano – sala convegni castello – ore 18,30
- GEOGRAFIA DELLE QUESTIONI

venerdì 4 marzo 2016 Conversano – fondazione Di Vagno - ore 16,00
- LA SOCIETÀ DEL FUTURO

sabato 12 marzo 2016 Conversano – fondazione Di Vagno - ore 16,00
- LA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA

sabato 9 aprile 2016 Conversano – fondazione Di Vagno - ore 16,00
- LA SOCIETÀ DELLA PRODUZIONE

venerdì 13 maggio 2016  Bari – Università degli Studi di Bari "Aldo Moro"
- L’EUROPA IN TEMPI DI CRISI. Come difendere la coesione economica sociale e territoriale?


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
INFO-DAY Horizon2020 - Societal Challenges
Bari, 15 dicembre 2015

Nell'ambito delle attività di promozione e diffusione delle opportunità di sviluppo di progetti e iniziative europee, è stata organizzata una giornata informativa dedicata al Terzo Pilastro di Horizon 2020 "Sfide per la società".
Tale scelta è determinata dalla volontà di interpretare al meglio le priorità strategiche di Europa 2020 agite dal Terzo Pilastro di Horizon 2020 con un approccio incentrato sull'integrazione delle risorse e delle conoscenze provenienti da una molteplicità di settori, tecnologie e discipline tra cui le scienze sociali e umanistiche.
La giornata informativa sarà prevalentemente dedicata a tre sfide sociali del Terzo Pilastro:
  • SC1 - Salute, cambiamento demografico e benessere;
  • SC4 - Trasporti intelligenti, verdi e integrati;
  • SC6 - Società inclusive, innovative e riflessive: l'Europa in un mondo che cambia.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

Quale futuro per la protezione delle piante? Innovazione, sostenibilità, aspetti regolatori europei e... paradossi del nostro tempo
Bari, 10 dicembre 2015

Innovazione, sosteniblità, aspetti regolatori europei e... paradossi del nostro tempo è il sottotitolo dell'annuale appuntamento organizzato dall'Associazione regionale pugliese dei tecnici e ricercatori in agricoltura ARPTRA, di concerto con lo Europe Direct Puglia, il Centro di ricerca, sperimentazione e formazione in agricoltura Crsfa "Basile Caramia", Associazione italiana per la protezione delle piante Aipp e in collaborazione con Image Line.
Il Forum ha trattato numerosi temi di attualità nel settore agricolo.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

Corso di formazione e informazione Fondi diretti, Quadro logico e budget
Bari, 12 e 13 novembre 2015

Il Dipartimento Politiche Europee, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione (EIPA) e in collaborazione con Enterprise Europe Network Unioncamere Puglia e Europe Direct Puglia, ha organizzato il 12 e 13 novembre un seminario di informazione e formazione dedicato agli aspetti del ciclo finanziario 2014-2020 dei fondi a gestione diretta.
Il seminario si apre il 12 novembre alle ore 14,30 con i saluti istituzionali di Antonio Felice Uricchio, Rettore dell’Università di Bari, e di Alessandro Ambrosi, Presidente di Unioncamere Puglia. I lavori si aprono con l'itervento di Barbara Altomonte, Dirigente del Dipartimento Politiche Europee - Ufficio per la Cittadinanza Europea, Mercato interno e Affari generali.
Il corso è strutturato in due moduli: una prima parte informativa dedicata alla presentazione delle politiche europee del ciclo finanziario 2014-2020 gestione diretta erogati dalla Commissione europea. Una seconda parte, di carattere operativo, è orientata ai soggetti interessati ad occuparsi della predisposizione di una proposta progettuale e del budget di progetto. Il Corso avrà come docenti esperti dell’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione.
Il corso è destinato ad enti locali, altri enti pubblici, cittadinanza, imprese, università e organizzazioni non governative.
Per partecipare al seminario occorre compilare la scheda di registrazione e inviarla online secondo le modalità indicate al seguente link http://www.finanziamentidiretti.eu/?page_id=2537. 


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dialogo con i cittadini
Matera, 5 novembre  2015

La Commissaria europea per la Politica Regionale Corina Creţu sarà a Matera il 5 novembre 2015 in occasione del lancio del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020. 
Alle ore 12 presso l'Auditorium "R. Gervasio", insieme al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Claudio De Vincenti, dialogherà con i cittadini riguardo al ruolo fondamentale dell'Europa e delle sue risorse per la crescita e l'occupazione.
Per chi volesse partecipare all’evento a Matera sarà organizzato un pullman che partirà dalla Stazione centrale di Bari intorno alle ore 10.00 e ripartirà da Matera intorno alle ore 15.00.
L’accesso al pullman e all'evento è gratuito, ma è obbligatorio registrarsi attraverso il modulo online.
L'evento potrà essere seguito anche in streaming sul sito della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mercato Unico Digitale per l'Europa. Opportunità per la Puglia e il Mezzogiorno
Bari, 18 settembre 2015

La Commissione Europea – Directorate General for Communications Networks, Content and Technology ha organizzato di concerto con lo Europe Direct Puglia, l'Università degli Studi di Bari, la Regione Puglia, il Comune di Bari, l’Ordine dei Giornalisti di Puglia, la Fiera del Levante e la Confindustria Puglia un'iniziativa dedicata alla strategia per il Mercato Unico Digitale.
Il mercato unico digitale rappresenta una delle principali priorità del programma di lavoro della Commissione europea, che sta cercando di aprire nuove opportunità digitali per i cittadini e per le imprese, proprio in considerazione del fatto che Internet e le tecnologie digitali stanno trasformando il mondo in cui viviamo — ogni aspetto della vita e ogni settore di attività ne sono interessati.
Attualmente, l’esistenza di ostacoli alle operazioni online impedisce sia ai cittadini sia alle imprese sia alle pubbliche amministrazioni di fruire appieno degli strumenti digitali.
L’obiettivo della strategia per il mercato unico digitale è quello di abbattere le barriere regolamentari fino ad instaurare un unico mercato al posto dei 28 mercati nazionali ora esistenti.
Un mercato unico digitale pienamente funzionante potrebbe apportare all’economia europea 415 miliardi di euro l’anno e creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro.
L’iniziativa si terrà il 18 settembre nella Sala Biancospino del Pad. 10 della Fiera del Levante con inizio alle ore 9.00.


Scarica le slide proiettate: 


Documenti sul tema dell'evento:
      Mercato Unico Digitale factsheet

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le piccole e medie imprese in Horizon 2020 – Strumento PMI 
Bari, 6 luglio 2015

Organizzato dall'Università degli Studi di Bari in collaborazione con l'APRE e l'ARTI, questo Info-day ha lo scopo di aumentare la conoscenza degli strumenti finanziari della nuova programmazione 2014-2020, in particolare di Horizon 2020, per promuovere la partecipazione e favorire l'accesso alle opportunità e a i benefici da essi derivanti.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le risorse proprie UE. Novità e prospettive
Bari, 23 giugno 2015

Lo Europe Direct Puglia e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro hanno organizzato presso il Centro Polifunzionale Studenti dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro (piazza C. Battisti - Bari),  l’evento "Le risorse proprie UE: novità e prospettive".


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Summer school Politiche di integrazione linguistica e culturale: percorsi e metodologie
Bari, 15-19 giugno 2015
 
Lo Europe Direct Puglia di concerto con il Servizio Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia e l’Associazione Senza Frontiere, ha organizzato la I edizione della Summer School “Politiche di integrazione linguistica e culturale: percorsi e metodologie”.
La Summer School ha l’obiettivo di rispondere anzitutto alle crescenti richieste ed esigenze di aggiornamento e riqualificazione dei docenti di ogni ordine e grado, nonché di formare la figura professionale del docente di italiano per stranieri.  Essa, inoltre, sarà un’occasione importante per affrontare questioni legate alle politiche di integrazione e per svolgere attività di informazione e sensibilizzazione sullo sviluppo globale sostenibile e sulle questioni correlate, obiettivi dell’Anno Europeo per lo Sviluppo proclamato per il 2015 con una decisione del Consiglio e del Parlamento Europeo, con il motto “il nostro mondo, la nostra dignità, il nostro futuro”.
Completamente gratuita, si articola in cinque giornate, dal 15 al 19 giugno 2015, per un totale di 30 ore di attività formativa. È riservata ad un massimo di 60 iscrizioni, di cui 15 a laureati nei Corsi di Laurea Magistrale dei Dipartimenti Lettere lingue arti, Scienze Politiche, Scienze della formazione, psicologia, comunicazione dell’Università di Bari.
Possono presentare domanda di iscrizione: dirigenti scolastici, docenti di ogni ordine e grado, mediatori interculturali, docenti di ITAL2 e operatori sociali, diplomati con documentata esperienza nel sociale, in particolar modo nel settore dell’immigrazione, e laureati.


Presentazioni di: 
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Opportunità e strumenti della programmazione 2014-2020. I bandi del programma "Erasmus plus"
Bari, 11 giugno 2015
 
Lo Europe Direct Puglia di concerto con il Comune di Bari ha organizzato un’Info-day sul programma Erasmus plus. Gli Info-day sono stati pensati con lo scopo di aumentare la conoscenza dei meccanismi di funzionamento dei programmi europei a gestione diretta della nuova programmazione 2014-2020 per promuovere la partecipazione e favorire l'accesso alle opportunità e a i benefici da essi derivanti.
A seguire un laboratorio di ricerca-intervento.
La scheda di registrazione deve essere inviata esclusivamente all’indirizzo infodaybari@gmail.com.
L'Info-day si svolgerà a Bari nell’Offina degli Esordi.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari, 8 giugno 2015

Quattro appuntamenti in piazza per presentare al pubblico l’Agenzia per la Coesione Territoriale e per illustrare le azioni di innovazione per la Pubblica Amministrazione che verranno realizzate attraverso il Programma Operativo Nazionale Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020.
Un “villaggio” pensato per il grande pubblico ma aperto anche agli addetti ai lavori, con momenti di confronto per approfondire i temi trattati e rafforzare la cooperazione fra Amministrazioni quale modalità operativa per la diffusione dell’innovazione nella PA.
In occasione della tappa di Bari, che si svolgerà in Piazza del Ferrarese, l’incontro di apertura dell’evento sarà dedicato alla presentazione del ruolo e degli obiettivi dell’Agenzia per la Coesione Territoriale e dei Programmi Operativi Nazionali Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020 e Città Metropolitane 2014-2020.
Nel pomeriggio EURODAYS ospiterà una delegazione delle scuole pugliesi che hanno partecipato all’edizione 2014-2015 di “A Scuola di OpenCoesione” e un barcamp della community di AGIRE POR.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari 5 maggio 2015

Lo Europe Direct Puglia e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro hanno organizzato una tavola rotonda dal titolo Gli italiani e l’Oriente ieri e oggi.
In quell’occasione si discuterà del ruolo ricoperto dall'Italia in Medio Oriente nel recente passato, prendendo spunto dall’analisi del volume di Luca Riccardi, professore ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali, dal titolo L’ultima politica estera. L’Italia e il Medio Oriente alla fine della Prima repubblica. Riccardi, già autore di importanti studi sulla politica estera italiana nell'area mediorientale, analizza le relazioni tra il governo di Roma e i paesi del Medio Oriente negli ultimi anni della Prima repubblica, a cavallo tra lo scoppio dell'Intifada e la prima guerra del Golfo.
La tavola rotonda si svolgerà presso l'Aula Starace dell’Università di Bari.
 
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari, 4 maggio 2015

Lo Europe Direct Puglia e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Di Vagno, hanno organizzato un convegno di studi dal titolo “Europa e Medio Oriente (1973-1993)”. Il convegno si svolgerà presso l'Aula Starace dell’Università di Bari.
Obiettivo del convegno, al quale prendono parte studiosi di diverse discipline dell’area delle Scienze storiche e sociali provenienti da vari atenei italiani e stranieri, consiste nell’analizzare momenti e problemi delle relazioni tra l’Europa e i popoli del Medio Oriente dallo scoppio della guerra dello Yom Kippur, nell’ottobre del 1973, alla conclusione degli accordi di Oslo, nell’agosto 1993.
Gli avvenimenti prodottisi nell’area mediorientale in questo periodo, quali il quarto conflitto arabo-israeliano, la guerra civile libanese, il conflitto nella zona del Golfo Persico tra Iran e Iraq e l’occupazione sovietica dell’Afghanistan, hanno segnato in maniera profonda la storia recente del Medio Oriente.
Tali eventi hanno provocato un approfondimento e un allargamento dei contrasti politici e militari in quell’area e l’ascesa dell’Islam radicale, in entrambe le sue correnti, sciita e sunnita, che, proprio a partire da quegli anni, si sarebbe affacciato sulla scena politica regionale e mondiale con un ruolo e un’importanza di primo piano.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
I Fondi Strutturali e d'Investimento Europei in Puglia. Le sfide della nuova programmazione 2014-2020
Bari, 21 aprile 2015

L’Europa si apre ad attività di formazione rivolte a giornalisti ed esperti mediatici. Un’opportunità professionale quella dei bandi europei complicata e innovativa, che consentirà partecipazione, impegno e networking, realizzato attraverso la creazione di reti e attraverso scambi di professionisti dei mezzi di comunicazione.
Un’opportunità, che, inoltre, fornirà ai giornalisti e agli esperti mediatici supporto pratico per la ricerca e la produzione di servizi, soprattutto sull’UE, le sue politiche ed i suoi programmi. La formazione dei professionisti dei mezzi di comunicazione sarà incentrata sul miglioramento delle competenze professionali e sulla comprensione del sostegno dell’UE alle regioni attraverso i Fondi Strutturali.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Dalla finanza pubblica locale al governo degli enti territoriali
Bari, 20 aprile 2015 

"Dalla finanza Pubblica europea agli enti territoriali", questo il titolo del convegno organizzato dall'Università degli studi Aldo Moro di Bari.
Negli ultimi anni, l’Unione europea ha profondamente ridisegnato la governance economico-finanziaria, definendo regole, vincoli e condizioni ai fini del controllo dei conti nazionali, dei disavanzi e dei debiti degli Stati membri. Trattato di Maastricht, Fiscal compact e Two pack producono effetti con riguardo al sistema finanziario statale, regionale e degli enti locali.
Il volume analizza e approfondisce tali problematiche, mettendo a confronto centralismo finanziario di carattere europeo, sovranità finanziaria dello Stato centrale e autonomia finanziaria degli enti territoriali.
Per nella pluralità dei contributi, l’approccio proposto resta tendenzialmente unitario, muovendo dalle fonti comunitarie per poi considerare le disposizioni domestiche sul patto di stabilità delle regioni e degli enti locali, anche con riguardo alla capacità di spesa pubblica.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il ruolo dell’Unione europea per la cooperazione, l’innovazione e lo sviluppo sostenibile
Bari, 14 aprile 2015

Il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, il Centro di Documentazione europea di Bari, lo Europe Direct Puglia e lo Europe Direct Barletta hanno organizzato un’iniziativa per celebrare l’Anno europeo dello Sviluppo.
L’iniziativa comprende un seminario dal titolo Il ruolo dell’Unione europea per la cooperazione, l’innovazione e lo sviluppo sostenibile ed una tavola rotonda sul tema Le diverse dimensioni dello sviluppo per un futuro globale equo e sostenibile.
I due eventi sono dedicati alle politiche, agli strumenti e  agli attori della cooperazione allo sviluppo e saranno l’occasione per discutere delle politiche di integrazione dell’UE e per svolgere attività di sensibilizzazione sullo sviluppo globale sostenibile e sulle questioni correlate, obiettivi dell’Anno europeo dello Sviluppo, proclamato per il 2015 dal Consiglio e del Parlamento Europeo con il motto “il nostro mondo, la nostra dignità, il nostro futuro”.
All’iniziativa parteciperanno illustri ospiti, tra cui Christos Marazopoulos della DG Sviluppo e Cooperazione internazionale della Commissione europea, Catherine Wihtol de Wenden del Centre d'Etudes et de Recherches Internationales di Parigi, Piercarlo Rossi dell’Università del Piemonte Orientale – DISEI, Riccardo Peratoner di Novareckon srl di Novara, Paolo Rossi dello Iusefor di Torino, Walter Vassallo, Esperto di politiche e progetti d'innovazione.
Alla Tavola Rotonda parteciperanno ActionAid, Amnesty International, Caritas, IAMB, Croce Rossa, Medici senza frontiere e UNICEF.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari, 19 marzo 2015

Lo Europe Direct Puglia e il  Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Aldo Moro, in collaborazione con l’Alliance Française di Bari, hanno organizzato il seminario dal titolo L’influence française au XXIe siècle en Europe et dans la Méditerranée. Relatore Michel Foucher.
Geografo e diplomatico, Michel Foucher è stato consigliere del Ministro degli Affari Esteri dal 1997 al 2002, inviato speciale nei Balcani e nel Caucaso nel 1999, direttore del Centro di analisi e di previsione del Ministero degli Affari Esteri, dal 1999 al 2002, ambasciatore di Francia in Lettonia dal 2002 al 2006 e nel 2007 ambasciatore in missione sulle questioni europee. Attualmente ricopre il ruolo di direttore della formazione, degli studi e della ricerca dell’Institut des hautes études de la défense nationale.
Durante il seminario, inoltre, sarà presentanto l’Atlas de l’influence française au XXIe siècle, di cui Michel Foucher è autore. Nell’Atlante, l’autore dimostra, carte alla mano, l’ampiezza e la portata dell’influenza “alla francese”, ne traccia i contorni futuri e suggerisce come riorganizzarla per adattarsi al nuovo ordine mondiale.
La nuova sfida per la Francia è quella di divenire un punto di riferimento, una nazione creativa, un luogo di iniziativa che ispiri e stimoli i partners europei e mondiali.
Il seminario si svolgerà presso l’Aula Aldo Moro dell’Università di Bari.
 
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari, 6 e 7 marzo 2015

All’interno della VII edizione del Bollenti Spiriti Camp dal titolo I giovani pugliesi: energia alternativa, una due giorni dedicata alla presentazione delle esperienze più significative realizzate con il supporto delle risorse finanziarie del Fondo Sociale Europeo e alle politiche regionali per la formazione, l’educazione e la promozione dell’imprenditorialità delle giovani generazioni, è stato organizzato un incontro dal titolo Muoversi in Europa. Le opportunità di mobilità e volontariato internazionale per i giovani raccontate dai protagonisti. All’incontro parteciperanno anche lo Europe Direct Puglia e lo Europe Direct Barletta.
La  manifestazione prevede un ricco programma di laboratori, eventi e presentazioni di imprese di eccellenza, stand espositivi e incontri che danno spazio alla creatività, all’innovazione e alla solidarietà dei giovani pugliesi. L'iniziativa si svolgerà presso il Padiglione 18-20 della Fiera del Levante.
 
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola per la buona politica 2015: L’EUROPA È MOBILE     
Bari, 27 febbraio 2015

La Scuola per la Buona Politica è organizzata dalla Fondazione Giuseppe Di Vagno in collaborazione con la Friedrich Ebert Stiftung, il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Eutopia Magazine e con il patrocinio e il sostegno dello Europe Direct Puglia e della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.
L’Europa è mobile è il titolo di questa edizione dedicata al tema della mobilità in Europa, tra diritti e doveri, processi di integrazione e conoscenza delle opportunità. In un contesto politico democratico tutti i cittadini sono richiamati ad un forte senso di responsabilità e maturità. L’informazione, la partecipazione attiva e l’educazione alla politica sono elementi indispensabili perché un cittadino possa essere definito “consapevole”.
La Scuola per la Buona Politica quest’anno prevede anche un appuntamento di preparazione alla progettazione europea (22 Maggio e 13 Giugno) organizzato specificatamente dallo Europe Direct Puglia.
 
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari, 20 febbraio 2015

L'Ordine dei giornalisti della Puglia in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e gli Europe Direct Puglia e Barletta hanno organizzato un corso di formazione dal titolo Europa e Italia: istituzioni, politiche, fonti d'informazione europee
Quest’attività dedicata  alla formazione continua professionale dei giornalisti si inserisce nell’ambito dell’iniziativa più ampia del Festival della comunicazione e dell’informazione. Il corso si svolgerà nella Sala Alloro dello Spazio 10 della Fiera del Levante.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bari, 6 febbraio 2015

Lo Europe Direct Puglia e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Aldo Moro hanno organizzato un seminario dal titolo Unione Europea, euro e società pluriclasse.
Il seminario si propone di indagare la presenza di c.d. controlimiti costituzionali, rispetto a norme di diritto internazionale che possano, direttamente, ma anche indirettamente, comprimere oltre misura le libertà positive costituzionali, anche degradando nuovamente il lavoro, da diritto a merce. 
La scelta di procedere in maniera anticipata a tale tipo di unione, nella perfetta consapevolezza della mancanza di una c.d. area monetaria ottimale, effettuata proprio per spingere gli Stati aderenti ad implementare il processo di unificazione, con un’eterogenesi dei fini, può diventare oggi il maggiore ostacolo al perseguimento del vero scopo dell’Unione Europea, che non può che essere la creazione di un ordinamento sovranazionale che assicuri la pace e la giustizia tra le Nazioni europee: anche perché, è solo a queste condizioni, e non certo per mere finalità liberoscambiste, che l’art. 11 della nostra Costituzione consente all’Italia, in condizioni di parità con gli altri Stati, limitazioni –e mai cessioni- della propria sovranità.
Il seminario si svolgerà nell’Aula Vincenzo Starace dell’Università di Bari.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Opportunità e strumenti della programmazione 2014-2020. Il Programma “Europa per i cittadini”
Bari, 30 gennaio 2015 ore 16.00 

Lo Europe Direct Puglia e il Comune di Bari hanno organizzato questo Info-day per la presentazione del programma a gestione diretta Europa per i cittadini. Gli Info-day sono stati pensati con lo scopo di aumentare la conoscenza dei meccanismi di funzionamento dei programmi europei a gestione diretta della nuova programmazione 2014-2020 per promuovere la partecipazione e favorire l'accesso alle opportunità e a i benefici da essi derivanti.
L'Info-day si svolgerà a Bari nell’Offina degli Esordi.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La Politica estera dell'Unione europea e il Servizio Europeo per l'Azione Esterna
Bari, 13 gennaio 2015

In materia di politica estera, il Trattato di Lisbona riprende la gran parte delle innovazioni già previste dal Trattato costituzionale firmato nel 2004. Ma benché non siano state trasferite nuove competenze in materia dagli Stati Membri all’Unione europea, tali innovazioni sono varie ed importanti: in primis, l’Unione si è dotata di un Presidente permanente del Consiglio europeo, e ha rafforzato la figura dell’Alto Rappresentante, che è divenuto anche Vice Presidente della Commissione, incaricato del coordinamento dell’azione esterna dell’esecutivo europeo. E poi a fine 2010 è partita anche l‟altra grande innovazione istituzionale di Lisbona: il Servizio europeo per l‟azione esterna, una sorta di corpo diplomatico europeo, che funge da strumento di elaborazione ed attuazione della politica estera europea, a sostegno dell’Alto Rappresentante, ma anche dei Presidenti del Consiglio europeo e della Commissione.
Il seminario, quindi, ha lo scopo di presentare le novità introdotte dal Trattato e e approfondire il sistema di funzionamento del SEAE.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Crowdfunding nell'era della Conoscenza. Chiunque può realizzare un progetto. Il futuro è oggi
Bari, 10 luglio 2014

Il primo evento, che si terrà dalle ore 9 alle ore 13 nell’Aula Starace del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari, è un workshop (di cui si allega il programma) interamente dedicato a questo uno strumento utilizzabile per finanziare non solo attività imprenditoriali in fase di start up ma anche idee, progetti e iniziative promosse sia dai privati sia dalla Pubblica Amministrazione.
I docenti del workshop sono Walter Vassallo: economista, con decennale esperienza imprenditoriale e manageriale in ambito di politiche e progetti europei nelle aree dello sviluppo economico, dell'innovazione, del trasporto, della green economy, autore del libro: “Crowdfunding nell'era della conoscenza. Chiunque può realizzare un progetto. Il futuro è oggi.” FrancoAngeli 2014, e Filomena Palumbo, consulente aziendale in risorse umane; coach riconosciuta e socia di AICP (Associazione italiana coach professionisti); esperta nella metodologia del bilancio di competenze, career coaching; formatrice.
La potenza del crowdfunding sta nel fatto che chiunque può avere un'opportunità di espressione e di implementare un'idea a prescindere dalle competenze e dai settori. Ci possono essere progetti di qualsiasi natura e budget, che spaziano dall'arte, alla scienza, passando per la formazione, l'hightech, il sociale, l'editoria, ecc.
Il crowdfunding è un fenomeno globale in rapida ascesa sebbene ancora poco conosciuto. Altre Università stanno attivandosi per includere il tema nell'offerta didattica e diverse sono le iniziative atte a sensibilizzare e informare una domanda di conoscenza verso l'argomento sempre più grande. Quindi è un argomento che potrà trovare spazio sia in ambito di formazione sia in ambito progettuale (incluso bandi europei).
Considerando il fatto che è importante creare massa critica e cultura attorno al tema affinché si possano far decollare nuove forme di partecipazione ed iniziative attraverso questo strumento, si invita a partecipare.
La stessa Commissione Europea ha recentemente posto la sua attenzione sul crowdfunding indicandolo come strumento utile per favorire l'inclusione, la partecipazione e la crescita a sostegno di innovazione ed imprenditorialità.


Secondo evento
Il secondo evento, che si terrà a partire dalle ore 17.00 nel Fortino Sant’Antonio, è la presentazione del volume "Crowdfunding nell'Era della Conoscenza. Chiunque può realizzare un progetto. Il futuro è oggi".
Alla presentazione parteciperà l’autore, Walter Vassallo, con parleremo di quali sono gli aspetti che ruotano attorno al fenomeno che devono essere considerati per poter oggi fare le scelte giuste per il nostro futuro? Quali sono le sfaccettature del crowdfunding e come poter avere successo? Come si può utilizzare per raccogliere fondi da destinare ad un progetto da realizzare? Come si può finanziare un'idea o un sogno nel cassetto senza ricorrere ai canali di credito tradizionali? Quali sono le variabili in gioco?
Il libro, edito da FrancoAngeli, è il primo ed unico libro che contestualizza il crowdfunding e l'era della conoscenza. Dalla sua lettura si potrà comprendere come realizzare un progetto, un obiettivo importante, un sogno nel cassetto. Il libro spiega come sfruttare al meglio le grandi opportunità che offre l'epoca in cui viviamo e su cosa puntare per essere vincenti. Illustra come può chiunque, a prescindere dalle competenze, cogliere utilità e vantaggi dall’economia della condivisione ed essere protagonista di un cambiamento positivo, di un ‘Rinascimento’ del nuovo Millennio.


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu